Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Devils and Dust
Working on a dream
Stadio Olimpico . Roma
The Promise
Wrecking Ball
High Hopes
The River


Sei in - Home - Rock - Rock

Artista/Gruppo:Springsteen Bruce
Titolo: Devils and Dust
Etichetta: Columbia/Sony
Sito: http://www.brucespringsteen.net/
Codice: CN 93900
Recensore:Maurizio Di Marino
Recensito il: 25/04/2005
Copyright: Maurizio Di Marino per Music on Tnt

Bruce Springsteen nell’aprile del 2005 ha pubblicato un nuovo album, un album che negli Stati Uniti è stato messo in commercio nel nuovo standard DualDisc – CD un lato, DVD l’altro – mentre nella vecchia Europa si è preferito il vecchio CD accompagnato da un DVD omaggio. Poiché il grosso delle canzoni di “Devils & dust” Springsteen lo scrisse dieci anni fa durante la tournée di “Tom Joad” viene spontaneo pensare che l’artista si sia prestato al gioco della sua casa discografica che aveva bisogno di un disco nuovo di un nome importante per lanciare il DualDisc.

A noi europei non resta che essere ben felici che sia toccato agli americani e non a noi fare da cavie perché il DualDisc fa i capricci – leggi: risulta illeggibile - in molti lettori CD.

Delle 12 canzoni che compongono “Devils & dust” due suoneranno familiari a chi seguì l’artista nella tournée che seguì il lancio di “The ghost of Tom Joad” esse sono: “The hitter” e “Long time comin’”, entrambe avrebbero meritato di restare a prendere polvere in qualche cassetto di casa Springsteen, soprattutto “Long time comin’” che sembra la brutta copia di “Better Days” (da “Human touch”- 1992). Alla traccia #2 troviamo “All the way home” che Springsteen scrisse nel 1991 per il suo amico Southside Johnny.

Si è parlato a sproposito di album acustico che formerebbe una ideale trilogia con “Nebraska” e “The ghost of Tom Joad” quando di fatto questo album – prodotto, come “The rising”, da Brendan O’Brien – contiene sì brani acustici ma almeno tre canzoni (la title track, Long time comin’ e Jesus was an only son) arrangiate a sfinimento come avveniva appunto con “The rising”. Anche questo particolare rafforza l’impressione di un lavoro senza progetto, fatto su commissione.

“Devils & dust” è la canzone che dà il titolo all’album e che lo apre: il narratore Bruce impersona un soldato di Uncle Sam e gli fa dire “ho Dio dalla mia parte/cerco solo di sopravvivere/ma se ciò che fai per sopravvivere/uccide ciò che ami/la paura è una cosa potente/può far diventare nero il tuo cuore fidati/prenderà il tuo cuore colmo di Dio/e lo colmerà di diavoli e polvere” ma è una canzone ordinaria musicalmente e banale è il testo sulla guerra e sull’America, vent’anni fa bastavano due righe al Boss per dire tutto “got in a little hometown jam so they put a rifle in my hand/sent me off to a foreign land to go and kill the yellow man” (Born in the USA – 1984).

Uno dei motivi per cui il lancio di questo album ha fatto notizia è perché contiene una canzone – traccia #3 Reno – che descrive esplicitamente un rapporto sessuale – per giunta a pagamento – una vera novità per il cantastorie Springsteen il cui mondo di solito sembra sospeso in una dimensione mitica e senza tempo. La canzone comunque è insignificante per testo e musica.

Venti anni fa Springsteen cantava “you can’t start a fire without a spark” (Dancing in the dark – 1984) e il problema di questo suo album del 2005 è proprio questo: manca la canzone scintilla, quella che fa venire voglia di lasciare il CD a girare ore e ore fino a divenire fuoco nel nostro cd-player. Tutto questo non impedirà a Springsteen di vendere vagonate di dischi grazie al nome e ai critici togati che lo incensano perché temono di indispettire mamma Sony e perciò non osano scrivere quello che è sotto gli occhi e nelle orecchie di tutti: il Boss – come il re di una celebre favola – è nudo.

English version

Dear readers of Music-on-tnt here is the true story of how “Devils & dust” – the brand new Bruce Springsteen album – came to being.

One early morning in Autumn 2004 the telephone rang in Bruce Springsteen’s mansion in New Jersey.

Bruce Springsteen: “Hello”

Sony Manager: “Good morning, mister Springsteen, how are you?”

BS: “Good morning Boss, I am fine thanks, how is my beloved Sony, Boss?”

SM: “Not too bad, we have even a new standard for selling music, it is called DualDisc”

BS: “DualDisc? It sounds great Boss, how can I help to sell it, Boss?

SM: “Thank you mister Springsteen, we know we can count on you, what about a new record?”

BS: “A new record, Boss? You know, many years have passed since the last time I wrote a song, Boss”

SM: “I know, but we are sure that if you look into some drawer you will find a bunch of songs you have not receorded still”

BS: “You always speak the truth, Boss, I have enough old songs to fill a CD, but I fear they are not great songs, Boss”

SM: “Don’t be troubled by such small details, our dear mister Springsteen, just make it an acoustic album, the critics will love it and the customers will buy it”

BS: “It looks like a great idea, Boss, I will do as Sony says, Boss!”

Springsteen’s words have been translated from the New Jersey jargoon he usually speaks and sings so to make them intelligible to our english speaking readers.

“Devils & Dust” a review.

Bruce Springsteen has decided to record a bunch of songs he wrote ten years ago during the world tour following the release of “The ghost of Tom Joad”; as a fact the release of these recordings supports the launch of DualDisc, a new two-sided format – one side CD, DVD on the reverse – who is causing trouble with a lot of cd-players. As for the record two of these old songs were even performed live at the time of the “Tom Joad” tour and they are: Long time comin and The hitter – tracks #4 & 10 – the first one sounds like an adjourned versione of Better days.

The album is mainly acoustic but at least three songs – the title track, Long time comin’ and Jesus was an only son – are over-arranged just like it happened with “The rising” an album that was produced by Brendan O’Brien, as “Devils & dust” is too. Devils & dust comprises 12 songs, but no one of them is a hit song, there isn’t a single song worth of the best of Springsteen’s catalog.

All I’m thinkin’ about, Long time comin’ and Matamoros banks are the best of the lot, but it is not much.

In the booklet the lyrics of two songs – Silver Palomino and Matamoros banks – have a short explanatory text, it doesn’t look like a great idea, songs have to speak for themselves, when the author feels the need to explain what he is talking about, it means the song is not enough or that he is not confident. Reno is a boring song with NC-17 lyrics: Springsteen’s lyrics have never been explicit, explicit is not bad, but you have to know how to use explicit language to make it effective, here the result is embarassing.
Overall this is a weak album, though you will read a lot of rave reviews everywhere.

Questo articolo è stato letto 4806 volte.