Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Senza smettere di far rumore
Una cura per il freddo
Come il suono dei passi sulla neve
Senza pensare all'estate


Sei in - Home - Rock - Italiana

zibba.jpg

Artista/Gruppo:Zibba & AlmaLIbre
Titolo: Senza smettere di far rumore
Etichetta:
Sito: http://www.zibba.it/
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 14/11/2009
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

Qui, nella mia terra natia, accartocciata tra i monti e le onde del mare, Zibba è da considerarsi un monumento della scena underground. Il suo peregrinare tra Zapata e location di ampio raggio, hanno rappresentato negli ultimi anni, felici kermesse musicali, alle quali target eterogenei partecipano con il clangore giovanilistico.

Come ammette lui stesso, appare inutile etichettare lo stile musicale che propone il suo ultimo “Senza smettere di far rumore”, uscito anche nella sua limited edition con alcune bonus track. Il filone che Zibba segue, attinge senza soluzione di continuità al cantautorato elitario, al rock, all’indie, senza dimenticare sentori di tango, folk ed il ritmo in levare.

Il bel disco ha il valore intrinseco di voler dar animo a quello che il frontman ritiene elemento essenziale della sua musica: la collaborazione. Infatti sul sito della band si legge:

“Amo collaborare e lasciare che gli incontri musicali che si fanno nella vita regolino l’andamento delle cose. Perché la musica per me è fatta di collaborazione. Di persone che scelgono di fare un pezzo di strada insieme. Una visione romantica forse, ma l’unica che mi viene...”

Fedele alla sua linea, la band ha dato alle stampe un full lenght in cui appaiono come ospiti Dado Moroni, Enzo Zirilli, Pippo Matino, Raphael, Fiello, Hermano Ele e Romi Mayes, Paolo Bonfanti ed il grande Tonino Carotone nelle nuove versioni dei singoli “Margherita” e “Un’altra canzone”.



Il disco, promosso dall’Altoparlante di Fabio Gallo, regala sin dal primo ascolto allegria ed emozioni, tra pacatezza e movimento, attraverso testi tanto curati quanto gli arrangiamenti davvero esemplari.

A battezzare “Senza smettere di far rumore” è il suono bregoviciano di “Margherita”, che porta con se l’insolita intuizione di mescolarsi con il dialetto genovese, tra passaggi imparentati a ska ed un tipico sound Badabardò, che tra violini e fisarmoniche emerge come un Singolo con la esse maiuscola. Il percorso prosegue con “La fine di un se”, brano che rasenta la perfezione compositiva, tra strofe quasi narrate da una scarna e scheletrica musicalità minimale, che esplode in un semplice chorus orecchiabile, ma non banale nella sua costruzione vocale. Il bridge raccoglie poi un alternative sound che rende il brano tra i migliori dell’album a differenza del rock funky pop di “Real”. Infatti quest’ultima appare convincere piuttosto poco, con il suo sound di facile consumo, che, nonostante alcune stoppate e una curiosa enclave El Hermano Ele, non decolla dall’ ordinario.

Al disco non mancano episodi di cantautorialità; ne è esempio lampante il cadenzato ed ondulatorio ritmo tangheggiante di “Le ultime dee”, in cui la roca voce di Zibba, si accompagna ad incursioni jazz, durante le quali la sei corde, toccata con precisione dal plettro di Federico Manno, da il meglio di sè. Simile tendenza la si può ritrovare in “Cielo” da cui emerge un jazz-blues Contesco, in cui le jazz brushes danno la giusta atmosfera preparatoria alle scale del pianoforte di Dado Moroni.




Le strade da percorrere sono però davvero infinite, i gradini da salire passano dall’intensità romantica di “Neve d’estate” a “Anche se oggi piove”, che con i suoi accenni di back voice e il violino di Fabio Biale, mantiene la narrazione su di un filo sottile, che si apre sull’arioso e luminoso chorus d’un fiato. Se poi “Un’altra canzone” può essere da considerarsi come chiusura di splendido e sentito trittico, con “La festa del vino,” la band ci porta all’interno del ceto multietnico, tra citazioni colte e divertite, a disposizione di una chitarra che tanto ricorda quella di Bruno Dorella dei Ronin.

Insomma un disco speciale ( e credo sia la prima volta che mi capita di usare questo termine), un disco da ascoltare, un disco da comprare!

Tracklist

1. Margherita
2. Nella Notte Che Verra’ (feat Raphael)
3. La Fine Di Un Se
4. Le Ultime Dee (feat Enzo Zirilli)
5. Real (feat El Hermano Ele)
6. Neve D’Estate
7. Anche Se Oggi Piove
8. Cielo (feat Dado Moroni)
9. Regalami Di Te (feat Pippo Matino)
10. La Festa Del Vino (feat Enzo Zirilli)
11. In Una Notte Con Solo Due Stelle
12. La Karimba Di Natale (feat Dato Moroni) RADIO EDIT
13. Un'altra Canzone
14. Nelle Sere d’inverno LIVE (guest: Mr.Puma)

Tour

26/11/2009 Zibba e Almalibre @ Ex. Lavatoi - Cuneo (CN)
Cuneo (Cn), ore 22:00
28/11/2009 Zibba guest alla presentazione della compilation Musica Nelle Aie - Mei - Faenza (FC)
Faenza (FC), ore 09:30
28/11/2009 Zibba e Almalibre @ Red House - Villa Fastigi (PU)
Villa Fastigi (PU), ore 22:00
05/12/2009 Zibba e Almalibre @ Teatro Ambra - Su La Testa - Albenga (SV)
Albenga (SV), ore 22:30








Questo articolo è stato letto 3810 volte.