Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Approfondimenti. Caravan nella versione Jazz.
Approfondimenti. Caravan nella versione Jazz.
Altre puntate di questa rubrica:
Storia del Jazz - Capitolo 1 - Introduzione.
Storia del Jazz - Capitolo 2 - Al posto della libertà : Le peculiarità della musica afroamericana
Storia del Jazz - Capitolo 3 - Duke Ellington
Storia del Jazz Capitolo 4 - John Coltrane
Storia del Jazz - Capitolo 5 - Andrew Hill
Storia del Jazz - Capitolo 6 - Lester Bowie
Storia del Jazz - Capitolo 7 - Randy Weston
Storia del jazz - Capitolo 8 - Abdullah Ibrahim
Storia del Jazz - Capitolo 9. Chris McGregor
Storia del Jazz - Capitolo 10 - Omar Sosa - Il misticismo universale
Storia del Jazz - Capitolo 11 - Herbie Hancock - Afroamerica Funky
Storia del Jazz - Approfondimenti. Caravan nella versione Jazz Messengers
Storia del Jazz - II parte. Jazz e cultura afroamericana
Storia del Jazz - Approfondimenti. Caravan nella versione Jazz Messengers. Parte seconda.
Storia del Jazz - Approfondimenti. Le origini del blues.
Storia del Jazz - II parte. Mo' better blues


Sei in - Home - Jazz

Artista/Gruppo:Jazz Messengers
Titolo: Approfondimenti. Caravan nella versione Jazz.
Rubrica: L' america vista dall' Africa - Le radici del Jazz
Etichetta:
Recensore:Paolo Bernardi
Recensito il: 03/05/2008
Copyright: Paolo Bernardi per Music on Tnt

Cominciamo dunque con ordine a presentare tutti gli elementi architettonici che costituiscono questa performance dalla mirabile struttura coesiva.
Il primo elemento è certamente rappresentato dai due obbligato dati al pianoforte e al contrabbasso all'unisono:





Essi accentuano oltremodo l'africanità infuocata e travolgente della batteria attraverso proprio tale incedere terzinante.
Ascoltando poi il motivo iniziale, che fa da preludio al tema di Ellington vero e proprio, notiamo come esso sia basato sulla fusione di due scale di chiara ascendenza nordafricana, come anche notato dalle note di copertina del disco: <>.







Non a caso possiamo considerare proprio questo nuovo elemento tematico come l'aspetto peculiare di questo arrangiamento e su di esso abbiamo posto maggiormente la nostra attenzione. Ecco infatti il motivo, di cui accennavamo, come esposto dalla tromba (note reali):



Dopo l'interludio di batteria attacca il tema, che, di seguito, riportiamo in partitura completa (l'uso della terzina si è rivelato, ancora una volta, necessario per rendere meglio l'idea dell'andamento afro, portato dalla batteria):





La sezione B del tema è esposto, per le prime due misure, dai tre fiati con la tromba che, al solito, ha la prima voce; poi solo dal trombone – che lo estemporizza (lo varia cioè secondo i precisi accenti idiolettali propri del groove swing) sagacemente, mentre tromba e tenore contrappuntano, creando anch'essi ex-tempore linee di accompagnamento al tema. Stavolta il tutto è però condotto su uno swing time pensato al doppio della velocità (definito, in gergo, double feel) e non più afro, che comunque tornerà nell'ultima sezione A.
Dopo la presentazione del tema, ovviamente iniziano i soli; sono tutti interamente accompagnati in swing double feel. In seguito, come già illustrato, il materiale esposto in apertura – in vario modo- viene riproposto in chiusura.
Riteniamo che già da ora possiamo comprendere la centralità del referente africano non solo dalla poliritmia di Art Blakey, ma anche dalla composizione tematica, in particolare del preludio, nonché dei due obbligato di basso.

Questo articolo è stato letto 7524 volte.