Altre recensioni di questo artista/gruppo:
The Johnny Clash Project


Sei in - Home - country folk

jcp.jpg

Artista/Gruppo:The Jhonny Clash Project
Titolo: The Johnny Clash Project
Etichetta: Rocketman Records
Sito: www.rocketmanrecords.com/
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 04/05/2018
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

Guardandomi indietro, o meglio guardando le mie vetrine di dischi, posso affermare senza remore di aver amato all’infinito i Graveyard Classics dei Six Feet Under, il mondo in levare di The album dei Bluebeaters, la follia di Me First and the Gimme Gimmes e ancora il swing di Ray Gelato. Una lunga lista che palesano il mio apprezzamento per coloro i quali riescono a coverizzare brani modificandone l’anima. A questa lista di dischi da oggi devo aggiungere il progetto di Lorenzo Mazzilli e soci, sincrasi perfetta tra il suono country-folk di Johnny Cash e le liriche d’impatto di Mick Jones e del compianto Joe Strummer.

Come sarebbe apparso il Punk degli albori o il combat rock del tramonto se i Clash avessero suonato country and western music? Se siete curiosi di saperlo avete la surreale ma concreta risposta:



Se non amate le cover, se non avete ironia, se credete nel vilipendio al punk…passate oltre perché la band bolognese si offre al proprio pubblico carica di dissacrante ironia e tecnicismo compositivo. Da qui si parte, infatti, nella narrazione di un disco che potrebbe, anzi…dovrebbe arrivare nel mainstream radiofonico.

Il disco, legato a Rocketman Records e RealSound, regala un’ardita fusione estetica, richiamata anche dalla riuscita cover e back cover del digipack, mostrando la piacevolezza (che per alcuni sarà orrore) di arrangiamenti outlaw country, in cui trovano posto banjo contrabbasso e backing vocals.

Analizzare l’opera track by track (e lo dico raramente) ha, a mio avviso, scarso rilievo, perché attraversando i saloon di Remote Control e White Riot vi renderete conto di come il curioso album viva come organismo unico, pronto ad osservare le spiagge delle Hawaii (Hate and war) tra le polveri in levare di London burning e la ritmica avvolgente di Police and thieves.




Tracklist

1.Janie Jones
2.Remote control
3.I'm so bored with the USA
4.White riot
5.Hate and war
6.What's my name
7.Deny
8.London's burning
9.Career opportunities
10.Cheat
11.Protex blue
12.Police and thieves
13.48 hours
14.Garageland

Questo articolo è stato letto 543 volte.