Altre recensioni di questo artista/gruppo:
L'edicola: reale opportunità o ultima spiaggia?

Mare Nostrum

Saturday Night Fever
Altre puntate di questa rubrica:
Rumours (1977) - Fleetwood Mac
Saturday Night Fever - Original Soundtrack (1978)
Depeche Mode - Violator (1990)
Elton John - Goodbye Yellow Brick Road (1973)
The Beatles - Rubber Soul (1965)
Van Halen - Van Halen (1978)
Roger Waters - Is this the life we really want, recensione.
U2 - The Joshua Tree (1987)
Disintegration (1989) - The Cure
Michael Jackson - Thriller (1982)
Pink Moon - Nick Drake, recensione.(1972)
Blood On The Tracks - Bob Dylan (1975)
New Gold Dream (Deluxe Edition) - Simple Minds (1982)
The River - Bruce Springsteen (1980)
Automatic For The People - R.E.M. (1992)
Ac/Dc - Back In Black (1980) recensione.
Sign Of The Times - Prince (1987)
Frank Sinatra - In The Wee Small Hours (1956)


Sei in - Home - Colonne sonore - -

snf.jpg

Artista/Gruppo:Vari
Titolo: Saturday Night Fever
Rubrica: I Dischi da Isola Deserta di Music On Tnt
Etichetta: Rhino Records
Recensore:Marco Restelli
Recensito il: 07/03/2018
Copyright: Marco Restelli per Music on Tnt

Su un'Isola Deserta si dovrà pur ballare prima o poi, no? E allora, la nostra scelta questa volta è caduta su un disco che ha messo sulla pista da ballo milioni di persone nel mondo, ormai incessantemente da 40 anni.

Nel 1975 e nel 1976 i Bee Gees, pubblicarono due brani: “Jive Talking” sull’LP “Main Course” e “You should be dancing” su “Children of the world” che avrebbero segnato, con il loro successo, la storia della disco music mondiale. Fino a quel momento, infatti, il movimento era stato pressoché di esclusivo appannaggio dei neri e certamente non aveva avuto ancora quell’attenzione mediatica esplosiva e planetaria. Quest’ultima gli sarebbe stata assicurata per sempre dalla colonna sonora del film “La febbre del sabato sera” (che riprendeva, nella track list, entrambi i succitati pezzi), uscita a fine ’77 e della quale i fratelli Gibb rappresentarono i principali artisti in scaletta.

Il lungometraggio raccontava le gesta di Tony Manero, un giovane della provincia americana (interpretato da un indimenticabile John Travolta) che riponeva ogni speranza di riscatto dalla mediocrità della propria vita, nei concorsi da ballo. Quella storia e la sua musica diventarono letteralmente di culto, per un’intera generazione, facendo sognare migliaia di giovani che si riversarono nelle piste da ballo alla ricerca di quelle stesse emozioni. “L’epidemia” dello stile fu talmente diffuso che perfino alcuni artisti rock come Rod Stewart (con “Do you think I’m sexy?”), ma anche i Kiss (“I was made for loving you”) e i Rolling Stones (“Miss You”) si fecero contagiare, proponendo pezzi “danzerecci”

Tornando all’analisi del disco, non si può non citare il tris d’assi (sempre dei fenomenali Bee Gees) formato dalla irresistibile Night Fever, la geniale “More than a woman” e il lentone “How deep is your love”, a mio avviso fra le più belle ballate di tutti i tempi. Anche se oggettivamente dominante, il terzetto inglese fu comunque ben accompagnato, nella creazione di questo album mitico (40 milioni di copie vendute nel mondo), da altri cantanti e gruppi all’altezza della situazione. Passeranno alla storia infatti anche Yvonne Elliman che interpretò “If I can’t have you”, i Kc & the Sunshine, con “Boogie shoes”, ma soprattutto i Trammps con il tormentone che chiude il disco “Disco inferno”.

Per farla breve, insomma, da allora in poi, ogni festa danzante degna di questo nome, sarebbe dovuta passare inevitabilmente per le note eterne di “Saturday night fever”.





Questo articolo è stato letto 630 volte.