Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Paul is Alive


Sei in - Home - Rock - -

paul.jpg

Artista/Gruppo:Marco Crescenzi
Titolo: Paul is Alive
Etichetta: Gremese Editore
Sito: www.libreriagremese.it/
Codice: 9788884409362
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 20/11/2016
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

“ I pidaioli non si estinguono, ma si moltiplicano come i Gremlins”

Spero di cuore che (mai e poi mai) Marco Crescenzi decida di occuparsi del mondo documentato da Pier Domenico Colosimo, straordinario pioniere dell’archeologia misteriosa. Infatti, il mitologico Peter Kolosimo (nom de plume dello scrittore modenese) è stato, per la mia preadolescenza, un faro luminoso sulla curiosità, fantasia e mistero. Infatti, da indefesso e persecutorio complottista, ho amato tanto lui quanto il mondo di Zeitgeist di Peter Joseph e (ovviamente) le strampalate teorie dell’ormai famigerato PID.

La mia paura, infatti, è che l’oggettiva e spietata logica di Crescenzi possa affondare i miei favolistici voli pindarici. Vorrei continuare a (far finta di) credere, evitando che l’autore di questo nuovo Paul is Alive possa agire destrutturandoli e smontandoli, mattone per mattone, dimostrando l’assoluto surrealismo visionario che modula i pensieri…esattamente come è riuscito a fare con sarcasmo, ironia e precisione con quelli che lui stesso chiama beffardamente “Pidaioli”.



Il libro, edito da Gremese, con le sue 130 pagine va a contrapporsi alla (reale o favolistica…decidete voi) teoria che ipotizza la morte di Paul McCartney, a seguito della quale l’ex Beatles è (dicitur) stato sostituito da un sosia a seguito di un presunto incidente occorso la notte del 9 novembre 1966. Proprio da qui il nuovo detrattore per eccellenza parte analizzando in maniera logica e precisa ogni teoria applicata alla leggenda. Un viaggio burrascoso in grado di ridefinire in maniera decisa indizi e ipotesi presumibilmente accertabili dall’analisi metaforica di testi, cover art ed interviste.
Così tra trichechi, rimandi orientali e ricostruzioni divertite, l’autore si pone ai suoi lettore con un inatteso timbro colloquiale, che talvolta mostra una piacevole ed informale aggressività legata all’assoluta convinzione che Paul sia vivo da sempre.

Questo articolo è stato letto 721 volte.