Sei in - Home - Rock - -

asuondipinte.jpg

Artista/Gruppo:
Titolo: A suon di pinte. Il gioco degli abbinamenti tra...
Etichetta: Arcana Edizioni
Sito: www.arcanaedizioni.com/
Codice: 978-8862318
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 01/09/2015
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

“Con le birre camminano le ore”
Banda Bassotti


Se ascoltate solo Ligabue e gli appassiti fiori dei talent, se bevete solo Heineken e Becks… lasciate stare, questo non è posto per voi. Infatti, tra le pagine della nuova e curiosa opera edita da Arcana, il lettore avrà modo di inoltrarsi, in maniera consapevole ed erudita, in un mondo in cui le note musicali incontrano le note amare del luppolo e quelle fruttate dei ibridazioni ardite dei nuovi produttori di birra.
Il libro, scritto da Luca Modica, critico musicale, publican e imminente mastro birraio, offre un piccolo ed inusuale gioco ad incastri, in cui coraggio espositivo e linguaggio diretto aprono ad un binomio sempre e solo analizzato in maniera implicita, quello di birra e musica, vissuto in maniera liminare e similare all’abbinamento più classico e nobile tra vino e cibo.
Il viaggio, come palesa l sottotitolo (Il gioco degli abbinamenti tra musica e birre ) si anima attraverso un percorso ragionato, in grado di allineare l’attitudine e l’innovazione dei Clash con la Brewdog, il ritmo in levare di Rudy. A message to you con la Taddy Porter e l’Augustinerbrau lagerbier hell con l’hip hop di Chuck D.



Senza supponenza alcuna, né intenti psico-sociologici Modica si diverte a collocare le infinite tipologie di birre con un analisi oculata di dischi a loro modo storici e storicizzati, partendo dai Metallica di Kill’em all sino ai No FX, passando dai Velvet Underground, in cui Nico appare proprio come l’addizione perfetta della frutta zuccherina alle Lambic.

A dare motore ai fantasiosi allineamenti, il lettore troverà piccoli racconti, definibili come piacevoli pretesti descrittivi, in cui lo stile di Enrico Brizzi sembra incontrare la ruvidità di Irvine Welsh, con il suo linguaggio diretto e talvolta spigoloso. A complementare l’intento descrittivo delle circa 140 pagine, infine, si avrà modo di conoscere al meglio la contemporaneità produttiva del nostro paese, attraverso interessanti interviste ad alcuni mastri birrai e un essenziale vocabolario con il quale orientarsi tra i forbiti termini tecnici.

Ora non vi resta che dar seguito a questo curioso gioco. Scegliete una birra ed abbinatela ad un disco… io, in questo momento sto ascoltando i Gorgoroth e ho deciso di avvicinarli alla Biere du Demon.

Questo articolo è stato letto 1158 volte.