Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Naked songs
Star Rovers


Sei in - Home - Rock - Alternative rock

Starlovers.jpg

Artista/Gruppo:Alice tambourine lover
Titolo: Star Rovers
Etichetta: Go Down Records
Sito: www.godownrecords.com
Codice: God081
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 26/01/2014
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

Una magica atmosfera blues underground, vestita di folk alternativo e di transizioni rock, intagliate in una rara e basale naturalezza.

Da qui si riparte, perché, da qualche settimana, è tornato l’eclettico combo Gianfranco Romanelli- Alice Albertazzi, in arte Alice Tambourine Lover, ensemble artistico abile, ancora una volta, a striare le proprie composizioni di attenta ampiezza esecutiva. La loro nuova creatura, Star Rovers, sin dal primo ascolto, sembra voler ridisegnare le costellazioni iniziate con le loro canzoni nude.

Il nuovo disco, ancora licenziato dalla Go down Records, si offre per un ascolto attentivo e necessariamente plurimo, tra approcci minimali e rigurgiti crito-psichedelici, raccontati dall’anima dobro della sei corde e dall’incantevole voce di Alice, come sempre vicina al mondo anni’70, tanto da mostrare naturali venature Janis Joplin, esattamente come accade nell’iniziatica Digging this song. Proprio la minimale linea disegnata dall’incipit, sembra costruita attorno ad una ritmica dalle screziature rock, dalle quali si dipanano elementi narrativi ottimamente ripresi da Dreams slip away, in cui l’elemento sognante porge un soffice approccio lo-fi.



La trasparente padronanza delle note, ci porta alle concrete sensazioni dobro di Falling deep inside, traccia dal cuore psichedelico, e all’inatteso rock and roll di Temptation. Se poi con The sweet-smelling road ci si ritrova in un aurea PJHarveiana, è con Gipsy mind che si raggiunge l’apice del climax espositivo. La voce di Conny Och, guidata inconsciamente da uno spirito hendrixiano, rivisita il proprio retroterra cultural-musicale attraverso intenti fortemente alternative, giochi blandamente rumoristici e storpiature melodiche sul riff portante, dal quale fuoriesce l’ukulele di Matumaini. A chiudere il cerchio sono infine il wha wha melodico di Venus e la visionaria Rainy Rainy, il cui antro spoglio ed acquerellato viene ridefinito dalle cuciture aggiuntive di Patrizia Urbani, valore aggiunto ad una struttura sonora delicata e dolcemente diluita.



Tracklist
Digging This Song
Dreams Slip Away
Falling Deep Inside
Gipsy Mind
Temptation
Between The Cup And Lips
Venus
The Sweet-Smelling Road
Rainy Rainy

Questo articolo è stato letto 1474 volte.