Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Iowa


Sei in - Home - Rock - Nu-metal

iowa.jpg

Artista/Gruppo:Slipknot
Titolo: Iowa
Etichetta: Roadrunner record
Sito: www.slipknot1.com, www.slipknot2.com, www.slipknot
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 01/01/1970
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

Sono in nove, arrivano da Des Moines-Iowa, indossano tute industriali e maschere terrificanti che celano la loro vera identità, si identificano non con i nomi ma con i numeri da zero a otto, si chiamano Slipknot. La traduzione del loro nome, alquanto incerta, riporta ad un'idea di soffocamento,claustrofobia e disagio, tutti elementi presenti all'interno dei testi della gruppo.

La band è da poco tornata a far parlare di sé, con la pubblicazione di un nuovo devastante album, in perfetto stile nu-metal. Il cd porta il nome dello stato americano dove i nove musicisti sono nati: Iowa, dove come dice il vocalist Corey Taylor, non succede mai nulla, una triste regione dove se si è fortunati si riesce a fare l'agricoltore; " la musica" dice Shawn il clown , il numero 6, " è stata la nostra salvezza in una regione così apatica come quella in cui sono nato". Quest'ultimo lavoro, ancora prodotto dal genio nu-metal Ross Robinson, appare già al primo ascolto, caratterizzato da una musicalità trainante e rabbiosa, che riesce con le sue 13 canzoni a rendere esplicite tematiche care alla band, come ad esempio il profondo disagio sociale, i malumori, l'insoffrenza e il pessimismo di una vita vissuta lontano dagli agi e dalla serenità.

Le tracks proposte in Iowa, sono fedeli alla linea hardcore/nu-metal, hanno una sonorità fortunatamente ancora lontana da quella commercializzazione voluta dalle major, che spesso "colpisce" molte bands. Tra le tracks più interessanti annoveriamo "Everithing ends", che ci offre, anche se per pochi istanti, la voce di Taylor, per una volta non dilaniata dalla rabbia con cui è solito cantare; "Disasterpiece", che ricorda la splendida "Eyeel ess" dell'album precedente; ed inoltre "Gently", ripresa da "Mate Feed Kill and Repeat", il primo vero lavoro degli Slipknot, spesso considerato una sorta di demo, in quanto autoprodotto e distribuito in sole 1000 copie nel circuito statunitense.

Infine, non si può dimenticare, , "People=Shit" voluto dalla band come primo singolo, tagliente ed brutale nei confronti di una società messa sotto accusa per la sua ipocrisia.
Siamo quindi di fronte ad un prodotto nu-metal ben costruito, fatto di musica e sensazioni forti, capace di diventare in breve tempo un classico della musica metal.


Per ulteriori informazioni potete visitare i seguenti siti consigliati dalla band:
www.slipknot1.com
www.slipknot2.com
www.slipknot.tv

Questo articolo è stato letto 4926 volte.