Altre recensioni di questo artista/gruppo:
Guess it


Sei in - Home - Rock - Rock

guess.jpg

Artista/Gruppo:King Size
Titolo: Guess it
Etichetta: Go down records
Sito: www.godownrecords.com/
Recensore:Loris Gualdi
Recensito il: 10/06/2012
Copyright: Loris Gualdi per Music on Tnt

Arrivano da nord est della penisola con la loro veste indie rock, finalmente indossata per un full lenght figlio dei 10 anni di attività che il quartetto ha maturato. Infatti in questo Guess it, coprodotto assieme alla Go Down Records, ritroviamo proprio il carattere live della band, che per certi versi sembra volersi inoltrare in un terreno stiloso, richiamato anche dal dress style scelto per la sessione fotografica.
Il viaggio musicale sembra voler partire dalle curate mescolanza garage, indie e powerpop che si alimentano grazie ad un tappeno di note classic r’n’r, pronte a percorrere in maniera differenziata 10 tracce di certo non dedide alla sperimentazione, ma orientate al gusto danzante del divertissement, gradevole ed energetico.



A lanciare il debut album è proprio il rock and roll heritage di I really want to fly, in cui gli ottimi intarsi surf’n’beat volano via da un approccio anglofono perfettibile, in cui l’arrangiamaneto semplicistico rende facile la via, proprio come accade in Money laudering, caratterizzato da un cusioso e persistenmte aria da college song.
Di miglior impatto appare poi l’incedere di Mr.Green pie, in cui l’atteggiamento rock(abilly) si appoggia sul basso di Guido Dal Pozzo, perfettamente a suo agio nel tentativo di impreziosire una della tracce migliori di questo disco, proprio grazie a sensazioni nu pop punk, da cui emerge il riff portante, traino sentito dell’emotività musicale. Sul medesimo segmento si assesta London sun , da cui fueriescono piacevoli e funzionali sdoppiamaenti vocali, uniti ad un ottimo lavoro alle pelli. Se poi l’anima pop di End of a dream e Wanna be yours convincono meno, il ritono ad un buon groove lo si vive con la follia delle distorsioni e la visionaria interpretazione di Sitting on the moon.

Un disco dunque curioso come la sua cover art, capace di coinvolgere in maniera emotiva, riuscendo a trasmettere idee e a travolgere gli istinti che, se spogliati dall’esigenza descrittoria, saprà conquistare le anime rock.



Track List:

1. I Really Want To Fly
2. Money Laundering
3. Mr. Green Pie
4. London Sun
5. Gimme Some Talent
6. End Of A Dream
7. Wanna Be Yours
8. Distortions
9. Sitting On The Moon
10. Down With The Resistance

Questo articolo è stato letto 2514 volte.