Altri editoriali di Maurizio Di Marino

Acquistare Musica on-line: dove, come e perché
Comprare CD via internet: perché e dove.
acquisto di CD online. I siti migliori.
Il costo elevato del prezzo basso
Acquistare Musica on-line: dove, come e perché



Sei in - Home - Editoriali

Recensore: Maurizio Di Marino
Editoriale del: 01/01/2006

Titolo: Comprare CD via internet: perc

Comprare CD via internet: perché e dove.


Cari lettori di Music on TNT, c’è una grande novità: i CD costano poco!

Beh, andiamo per gradi; sappiamo bene che il “caro CD” è uno degli argomenti più frequenti nelle discussioni tra appassionati di musica. Però su questa pagina non intendiamo parlare delle cause, non intendiamo filosofare, ma illustrare il possibile rimedio, ossia: acquistare i CD via internet.

Parlo di CD in senso lato, parlo di supporto musicale, perciò gran parte delle informazioni che seguono sono valide anche per gli amanti del vinile.

Acquistare via internet conviene quando si realizzano due condizioni:
maggiore assortimento che nel negozio sotto casa.
risparmio.

La prima condizione è essenziale soprattutto per coloro che vivono in cittadine prive di buoni negozi di dischi, ma anche per chi ama generi musicali di nicchia, quindi inevitabilmente ignorati dalla grande distribuzione.

La seconda condizione vede in una posizione privilegiata chi ascolta musica straniera: difatti la musica italiana la si trova in vendita solo sui siti italiani e – ahinoi – in Italia il commercio via internet il volo non lo ha ancora spiccato,

C’è poi un terzo buon motivo: i CD non sono uguali in tutti i paesi, spesso sono in commercio edizioni che contengono CD bonus, DVD bonus, canzoni extra e, grazie a internet, è quasi sempre possibile farsi arrivare a casa l’edizione più ricca del disco che vogliamo.

Prima di iniziare la panoramica dei siti consigliati, una premessa: per fare acquisti via internet nel più pratico e sicuro dei modi bisogna avere una carta di credito (VISA è il circuito più diffuso), non fatevi ingannare dalla disinformazione dei media, le carte sono sicure. Il sottoscritto le usa da 17 anni, da 7 su internet e non ha mai perso un centesimo. Quando si usano le carte bisogna usare quella che la legge chiama “cautela del buon padre di famiglia” ovvero si acquista solo su siti che offrano la protezione crittografata dei dati con sistema SSL altrimenti detto: deve comparire il famoso lucchetto giallo in basso a destra nel vostro browser!!! (nella barra degli indirizzi dove scrivete per esempio www.pippo.it ci deve essere questa stringa https la s sta per security e vi informa che la pagina è protetta da un sistema di crittografia a 128 bit ndr)

Più che tante parole credo sia meglio passare a una descrizione dettagliata di una selezione di rivenditori stranieri e italiani: l’elenco non è – e non potrebbe - essere esaustivo, ma è il risultato delle esperienze d’acquisto dello scrivente, niente fantasia né pubblicità, ma solo e unicamente ripetute prove sul campo.

Concluderemo con una simulazione d’acquisto, un gioco dimostrativo con 5 CD scelti a caso che comunque avvalora – come vedrete - le valutazioni espresse nelle schede che seguono.

Ma prima le schede.

www.amazon.com ●●●●●

Da anni questo è il sito di riferimento. Amazon è il sito dello shopping on line, chiunque operi nel settore va confrontato ad Amazon per capire quanto vale.

Vastità catalogo e navigabilità ●●●●●

Tutto ciò che volete, tutte le novità di questo mondo e la possibilità di acquistare usati i dischi che non trovate sul sito tramite i rivenditori del Marketplace Sellers, in questo caso Amazon fa da intermediario, ma vigono tutte le garanzie di un normale acquisto su Amazon. Va ricordato che per una miriade di album sono disponibili per l’ascolto frammenti di 30 secondi per canzone, così per farsi un’idea di ciò che si compra. Catalogo completo per tutti i gusti, anzi eccellente disponibilità per classica e lirica.

Incomparabile.

Prezzi ●●●●●

Spesso i discografici nostrani ci raccontano la favola che all’estero i CD costano quanto da noi … quasi vero se il riferimento fosse il prezzo di listino, ma la realtà è che all’estero il listino è sempre scontato: su Amazon le novità costano tra i 13-14 Dollari (10-11 Euro) , un paio in meno per il catalogo.

Spedizioni ●●●●●

Amazon offre tre tipi di spedizione agli utenti europei: 2 postali e 1 via corriere.

Ovviamente la fretta si paga, il mio consiglio è la spedizione “standard” la più economica, che costa un fisso di $4,49 (€3,60) per spedizione più $2,49 (€2,00) per ogni CD ordinato. La presenza del fisso rende conveniente comprare almeno 4-5 CD per ordine. Con questa spedizione “standard” riceverete i vostri dischi in 7-20 giorni. Meglio avere una cassetta delle lettere capiente.

Pagamenti ●●●●●

Carta di credito, in teoria Amazon accetta anche il vaglia postale, ma in tal caso i tempi d’attesa diventano biblici.

Oltre al doveroso “lucchetto”, Amazon garantisce il rimborso delle perdite dovute ad eventuali accessi alla vostra carta dal suo sito; come dire? gli uomini di Jeff Bezos lavorano bene e noi possiamo dormire sonni tranquilli.

Servizio clienti ●●●●●

Un aneddoto: ai primi di dicembre del 2001 Amazon mi spedì della merce, a fine mese ancora non mi era stata recapitata, così scrissi al servizio clienti, sapete quale fu la risposta? Tante scuse, soldi restituiti (80mila lire) e merce rispedita. Vi sembra una favola? Amazon è una favola.

Problemi? Voi lo dite ad Amazon e Amazon ve li risolve.

www.play.com ●●●●●

Qualche anno fa “play” – sito britannico – ha fatto la rivoluzione e ha costretto tutti - tranne in quel cavolo di paese chiamato Italia – a fare lo stesso: sconti fino al 50% sul listino, promozioni a getto continuo e spedizione compresa nel prezzo. Rispetto ad Amazon, qui le informazioni sono ridotte all’osso, quando si naviga “play” è meglio sapere di cosa si è in cerca. Ma il fatto che il sito sia europeo e la spedizione compresa nel prezzo rende comodo anche acquistare un solo CD per volta.

Vastità catalogo e navigabilità ●●●●○

Meno ricco di Amazon ma dispone comunque di tante uscite USA perché questo venditore ha anche un sito nordamericano.

Prezzi ●●●●●

Si paga in sterline, i CD di nuova uscita sono a £8,99 siamo così intorno – decina di centesimi in più o in meno a seconda delle oscillazioni del cambio – ai 13 Euro. La sezione “bargains” è perfetta per chi vuole farsi una discoteca ricca con pochi soldi, frequenti le promozioni di 4 CD per 20 Sterline, ossia 25-28 Euro.

Spedizioni ●●●●●

Compresa nel prezzo, come già detto.

Spedizione postale dal Regno Unito, talvolta dal Belgio, riceverete la merce in 3-4 giorni, una settimana in caso di sfiga.

Pagamenti ●●●●●

Anche qui carta di credito in totale sicurezza.

Servizio clienti ●●●●●

Si conferma l’impostazione del sito, scarno ma efficiente.

www.cd-wow.com ●●●●●

CD-Wow è il maggior concorrente di Play a livello europeo.

Vastità catalogo e navigabilità ●●○○○

Questo è il sito delle novità, catalogo inesistente.

Grafica più accattivante di Play ma informazioni ancora più essenziali.

Prezzi ●●●●●

Spedizioni singole, ogni prezzo che vedete è quello finale comprensivo della spedizione postale. Prezzi imbattibili sulle nuove uscite, oggi siamo a €12,78 tutto compreso.

Spedizioni ●●●●○

Come per “play” spedizione compresa nel prezzo.

Via posta, i CD viaggiano in salde scatoline su misura, spesso spediti dalla Svezia, a casa vostra in 3 giorni, 7 se siete sfigati.

Pagamenti ●●●●●

Di tutti i siti fuori area Euro – è britannico, CD-Wow è l’unico a offrire la possibilità di pagare nella valuta comunitaria, evitando così la commissione sul cambio praticata dalle carte di credito, ergo: ulteriore risparmio.

Servizio clienti ●●●●●

Scarno ma celere e funzionale, se avete un problema ve lo risolvono senza tante storie e in fretta.

Un difetto: addebita l’importo sulla carta al momento dell’ordine e non alla spedizione della merce come è consuetudine, comunque hanno quasi tutto in stock, capita di rado dover aspettare 3-4 giorni prima che spediscano.

www.nannucci.it ●●●○○

Sito di un’azienda storica della vendita di musica per corrispondenza in Italia, perde il confronto con i siti stranieri ma questo non è una colpa di Nannucci ma dello stato dello shopping on line in Italia.

Vastità del catalogo e navigabilità ●●●○○

Facile trovare la musica da classifica e ottimo il catalogo italiano, tempo perso quando i propri gusti fuoriescono da queste categorie: ha diverse sezioni dedicate a generi minori ma l’assortimento è minimo rispetto ai siti specialistici.

Prezzi ●●○○○

Buoni per il catalogo, pessimi per le novità, quando va bene un 10% di sconto sul listino.

Spedizioni ●●●●○

Eccellente il servizio via corriere, efficienti anche sotto Natale. Servizio costoso però, €7,30. Per non pagarli bisogna spendere almeno €99,00. Nel resto d’Europa ormai basta spenderne 25 per avere la spedizione gratuita nel paese d’appartenenza…

Pagamenti ●●●●●

Tutto in estrema sicurezza, pagamento anche contrassegno senza che il costo della spedizione aumenti.

Servizio clienti ●●●●○

Efficiente, ma se avete problemi li risolverete prima con una telefonata che con l’e-mail.

www.caru.com ●●●○○

Uno dei tanti siti nostrani che praticano l’importazione diretta.

Vastità del catalogo e navigabilità ●●●○○

Importare direttamente dall’estero lo mette in condizione di avere materiale difficile da reperire altrove. Un punto di riferimento per gli amanti della musica statunitense.

Buona la sezione dedicata al vinile con prezzi invitanti.

Prezzi ●●●●○

Sulla musica straniera, specie americana, è talvolta competitivo persino con i migliori siti esteri.

Spedizioni ●●●●●

Via corriere, molto efficiente. Mi è capitato – in agosto!! - di fare un ordine la domenica pomeriggio e vedermi consegnare la merce il martedì mattina.

Costo: €5,70 se pagate con carta di credito, €8,30 per il contrassegno; per evitarle spesa minima di €104,00 per chi paga con carta di credito e di €154,93 per chi paga contrassegno.

Pagamenti ●●●●●

Carta di credito in tutta sicurezza e contrassegno.

Servizio clienti ●●●●●

Bene organizzato, c’è da fidarsi.

www.felmay.it ●●●○○

Sito italiano di settore dedicato a musica folk/etnica e jazz.

Vastità del catalogo e navigabilità ●●●○○

Ottimo per gli appassionati dei generi citati, Felmay ha musica ardua da reperire altrove. Il più essenziale dei siti segnalati, meglio andarci bene informati su ciò che si cerca.

Prezzi ●●●○○

Un po’ meglio della media italiana, ma trattando merce spesso irreperibile altrove il discorso prezzo è relativo.

Spedizioni ●●●○○

Felmay offre diverse combinazioni legate alla spedizione raccomandata, con pacco ordinario o assicurato, siamo sugli stessi livelli degli altri siti italiani.

Pagamenti ●●●●●

Carta di credito e contrassegno.

Servizio clienti ●●●●○

Nulla da eccepire, affidabile.

Per concludere procediamo, come detto, ad un acquisto simulato.

L’acquisto è di 5 CD, 3 nuovi + 2 di catalogo rimasterizzati di recente.

Eccoli qui:
Devils and dust di Bruce Springsteen (Pezzi di De Gregori per i siti italiani)
L’omonimo album d’esordio di Martha Wainwright
Il CD dei Lost Trailers recensito su questo numero di Music On Tnt
fresco di ristampa Santana in edizione Deluxe (2CD)
il mitico Blonde on Blonde di Dylan in edizione CD/SACD

Questa simulazione, eseguita alle ore 15 del 13 Aprile 2005, ha dato il risultato che segue:

1° Amazon: unico sito ad avere tutti e 5 i CD per una spesa complessiva, compresa la spedizione, di US$81,48 ossia circa 64 Euro.

2° Play: con 4 CD su 5, mancano i Lost Trailers, la spesa per 4 CD è di circa €61

3° CD-Now: con 3 CD su 5, mancano i Lost Trailers e Santana, la spesa per 3 CD è di €41,56 (media rovinata da Dylan, venduto a 16, il nuovo di Springsteen - spedito - viene €12,78)

4° Carù: manca solo Martha Wainwright ma la spesa è di €89,6 + la spedizione

5° Nannucci: ha solo De Gregori a €19,90 e Dylan, non il CD/SACD ma il CD remasterizzato a €9,90 + spedizione.



© Copyright 2000 Maurizio di Marino - http://www.music-on-tnt.com

Questo editoriale è stato visto 15307 volte.